Canto

I Corsi Propedeutici si rivolgono a coloro che hanno già acquisito competenze musicali avanzate e che intendano proseguire un percorso musicale che permetta di accedere al Triennio (primo livello dell’Alta Formazione) senza i debiti formativi. La durata massima del corso è di 3 anni.

Il percorso di recente attivazione ministeriale (D.M. 11 maggio 2018: “Armonizzazione dei percorsi formativi della filiera artistico-musicale”) che fornisce la preparazione e la formazione adeguata e coerente per l’ammissione ai Corsi Accademici di I livello (Triennio). 

Non è richiesto alcun titolo di studio, ma i candidati devono aver compiuto o compiere i 14 (quattordici) anni di età entro il 31 dicembre 2020. I candidati devono essere in possesso delle competenze sufficienti per l’esecuzione del programma di ammissione richiesto per ogni disciplina. La durata massima del corso è di 3 anni.

Registrazione in video dei seguenti 4 brani:

  1. tre brani del repertorio operistico o cameristico in lingua italiana del 18° – 19° secolo;
  2. tre facili studi di tecnica (solfeggi o vocalizzi); gli studi possono essere scelti tra i seguenti: Concone 50 lezioni 9, Concone 40 lezioni per basso o baritono op. 17; Seidler “L’arte del cantare”; Panofka op. 85 (per tutte le voci); Tosti “Solfeggi”; altre raccolte di facili studi “classici” di autori come Bordogni, Panseron, Abt, M. Marchesi, Guercia, Lütgen, Rossini, Lamperti, Nava, etc. N.B. L’esecuzione degli studi potrà essere solfeggiata col nome delle note o “vocalizzata” pronunciando una A o una O. In video conferenza con la commissione: prove estemporanee di lettura cantata e declamazione di un testo in lingua italiana (ai candidati è richiesto di collegarsi con un tablet o un computer che consenta la lettura di un file pdf o dello screen-sharing del brano) e colloquio. PROVA DI TEORIA: 1. Dettato di otto battute nelle tonalità maggiori o minori fino a un’alterazione in chiave. 2. Lettura cantata estemporanea di una facile melodia (per intonazione o per imitazione). 3. Lettura parlata (solfeggiata) estemporanea nelle chiavi di Violino e di Basso o lettura ritmica di un brano nelle misure binarie, ternarie e quaternarie semplici e composte; con figure di semibreve, minima, semiminima, croma e semicroma; punto di valore; sincope e contrattempo; terzine e sestine. 4. Teoria Musicale di base.

Il corsi di Triennio sono finalizzati al conseguimento del Diploma Accademico di Primo Livello (Laurea Triennale) e all’acquisizione delle attitudini necessarie per rivolgersi al mondo professionale e a quello delle specializzazioni (Biennio di Secondo Livello, Master, ecc.).

Al termine degli studi relativi al Diploma Accademico di primo livello in Canto, gli studenti devono aver acquisito competenze tecniche e culturali specifiche tali da consentire loro di realizzare concretamente la propria idea artistica. A tal fine sarà dato particolare rilievo allo studio del repertorio vocale più rappresentativo (operistico, sinfonico, sacro, cameristico) e delle relative prassi esecutive, anche con la finalità di sviluppare la capacità dello studente di interagire all’interno di gruppi musicali diversamente composti. Tali obiettivi dovranno essere raggiunti anche favorendo lo sviluppo della capacità percettiva dell’udito e di memorizzazione e con l’acquisizione di specifiche conoscenze relative ai modelli organizzativi, compositivi ed analitici della musica ed alle loro interazioni. Specifica cura dovrà essere dedicata all’acquisizione di adeguate tecniche di controllo posturale ed emozionale. Al termine del Triennio gli studenti devono aver acquisito una conoscenza approfondita degli aspetti stilistici, storici ed estetici generali e relativi al proprio specifico indirizzo. È obiettivo formativo del corso anche l’acquisizione di adeguate competenze nel campo dell’informatica musicale nonché quelle relative ad una seconda lingua comunitaria.

Diploma di Scuola Secondaria Superiore (cosiddetta Maturità), salvo eccezioni di cui all’art. 24 comma 1 del Regolamento dei corsi di studio, o altro titolo di studio conseguito in una scuola non italiana e riconosciuto equipollente.

Registrazione in video dei seguenti 7 brani:

  1. un’aria tratta dal repertorio lirico in italiano del 18° o 19° secolo, preferibilmente con recitativo;
  2. un’aria tratta dal repertorio lirico dal 18° secolo in poi;
  3. un brano tratto dal repertorio vocale da camera
  4. un brano dal repertorio vocale da camera oppure un brano solistico dal repertorio di musica sacra o oratorio;
  5. Tre studi di tecnica (vocalizzi) di media difficoltà;

Gli studi possono scelti tra i seguenti: Concone 50 lezioni op. 9 (livello di media difficoltà), Concone 25 vocalizzi op. 10, Concone 40 lezioni per basso o baritono op. 17; Seidler “L’arte del cantare”; Panofka op. 81 e 85 (per tutte le voci); altre raccolte di studi “classici” di media difficoltà di autori come Bordogni, Panseron, Abt, A. Bettinelli, Lablache, M. Marchesi, Guercia, Lütgen, Mercadante, Rossini, Lamperti, Nava, Spontini, etc. N.B. L’esecuzione dovrà essere “vocalizzata” pronunciando una A o una O. Sono ammessi i tagli di tradizione ma non le trasposizioni di tonalità delle arie d’opera; il repertorio vocale va eseguito nella lingua originale; le arie d’opera devono essere eseguite a memoria. In video conferenza con la commissione: prove estemporanee di lettura cantata e declamazione di un testo in lingua italiana (ai candidati è richiesto di collegarsi con un tablet o un computer che consenta la lettura di un file pdf o dello screen-sharing del brano) e colloquio.

I corsi di Biennio sono finalizzati al conseguimento del Diploma Accademico di Secondo Livello in Discipline Musicali (Laurea Magistrale) e all’acquisizione di una conoscenza approfondita di tutti gli aspetti relativi alla propria disciplina.

Al termine degli studi relativi al Diploma Accademico di secondo livello, gli studenti devono aver acquisito le conoscenze delle tecniche e le competenze specifiche tali da consentire loro di realizzare concretamente la propria idea artistica. A tal fine sarà dato particolare rilievo allo studio del repertorio più rappresentativo dello strumento – incluso quello d’insieme – e delle relative prassi esecutive, anche con la finalità di sviluppare la capacità dello studente di interagire all’interno di gruppi musicali diversamente composti. Tali obiettivi dovranno essere raggiunti anche favorendo lo sviluppo della capacità percettiva dell’udito e di memorizzazione e con l’acquisizione di specifiche conoscenze relative ai modelli organizzativi, compositivi ed analitici della musica ed alla loro interazione. Specifica cura dovrà essere dedicata all’acquisizione di adeguate tecniche di controllo posturale ed emozionale. Al termine del Biennio gli studenti devono aver acquisito una conoscenza approfondita degli aspetti stilistici, storici estetici generali e relativi al proprio specifico indirizzo. Inoltre, con riferimento alla specificità dei singoli corsi, lo studente dovrà possedere adeguate competenze riferite all’ambito dell’improvvisazione.

Diploma Accademico di I livello, Laurea, Diploma di Previgente Ordinamento congiunto a Diploma di Scuola Secondaria Superiore o altro titolo di studio conseguito in una scuola non italiana e riconosciuto equipollente. I candidati devono essere in possesso delle competenze sufficienti per l’esecuzione del programma di ammissione richiesto per ogni disciplina.

Registrazione in video dei seguenti 4 brani:

  1. una scena d’opera in italiano preceduta obbligatoriamente da un recitativo (e con cabaletta, se prevista);
  2. due arie d’opera a libera scelta;
  3. un brano di musica vocale da camera (Lied, mélodie, lirica da camera, song, etc.) oppure un’aria solistica tratta da un oratorio (o cantata, mottetto, messa, sequenza, musica sacra, aria da concerto ).

Il programma deve comprendere repertorio vocale in italiano e in almeno una lingua diversa (escluso da questo conto il latino delle arie di musica sacra). Sono ammessi i tagli di tradizione ma non le trasposizioni di tonalità delle arie d’opera; il repertorio vocale va eseguito nella lingua originale; le arie d’opera devono essere eseguite a memoria. In video conferenza con la commissione: prove estemporanee di lettura cantata e declamazione di un testo in lingua italiana (ai candidati è richiesto di collegarsi con un tablet o un computer che consenta la lettura di un file pdf o dello screen-sharing del brano) e colloquio.

Desideri iscriverti?

Visita la pagina dedicata alle nuove immatricolazioni

Siamo sempre qui per aiutarti.

X